Notiziario CCISS del giorno 26/04/2017 ore 09:30

Ascolta la diretta

Contatta Isoradio
via sms 348 / 103.10.10
I vostri messaggi
VISUALIZZA GLI ALTRI SMS

Meteo Mobilità


Isoradio riceve e distribuisce le previsioni sull'andamento meteorologico per le esigenze di chi si sta muovendo e può solo ascoltare. Vai alla pagina delle previsioni

INFOTRAFFICO

Collaborazioni CCISS Aiscat Polizia di Stato Autostrade Arma dei Carabinieri ANASACI

Traffic Message Channel


Il Traffic Message Channel (TMC) è un servizio dati che viene trasmesso "paralellamente" all'audio, sfruttando il canale Radio Data System (RDS). Infatti l'RDS offre moltissime altre funzioni, oltre quella banale di far leggere il nome dell'emittente sul display della radio. Il TMC contiene tutte le notizie sul traffico rese disponibili dal CCISS (Centro Coordinamento Informazioni Sicurezza Stradale) e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Chi dispone di un autonavigatore che fornisce le informazioni in tempo reale sfrutta appieno il servizio RDS-TMC poiché l'autonavigatore usa una piccola radio FM per riceverle. La distribuzione del servizio RDS-TMC della RAI è totalmente gratuita essendo la RAI il Broadcaster Pubblico.
Leggi tutto
Scarica l'Applicazione Radio Rai

Faq

Ricezione

  • Sulla Autostrada Isoradio si sente malissimo, e sono anni che lo segnalo. Perché non si provvede?

    Isoradio trasmette sin dagli inizi (nel 1990) in FM sui 103,3 MHz, lungo diversi tratti autostradali, ma tale frequenza non è riservata al servizio RAI. Data l’evoluzione storica in Italia delle concessioni FM, in molte aree tale frequenza è in concessione a privati; e attualmente “tutte” le frequenze nella gamma FM sono assegnate in concessione, e i titolari sono liberi di cederle o meno. Per questo la RAI ha esteso l’area di copertura del servizio Isoradio anche usando frequenze diverse dai 103,3 MHz, ma dove non sono disponibili frequenze per la trasmissione è impossibile estendere il servizio. Ulteriori dettagli sulla "copertura" del servizio Isoradio possono essere richiesti al 06 94809596 di Raiway ( sito www.raiway.it).

  • Perché non si può avere la stessa frequenza 103,3 MHz per Isoradio su tutta Italia? ...viaggiando ci risulta più difficile spostare le frequenze e siete una compagnia indispensabile! Giovanna (sms del 28-09-2016 07:35)

    Tutte le reti FM usano frequenze diverse in zone vicine, perché due segnali FM sulla stessa frequenza interferiscono e “non si sente più nulla” o si sente disturbato. Isoradio sfrutta alcuni brevetti RAI (del Centro Ricerche di Torino) per trasmettere “sulla stessa frequenza” (=iso) lungo una tratta autostradale (trasmettitori “a raso”). Invece i trasmettitori “ a monte” che sono stati attivati dal 1989 in poi hanno spesso frequenze diverse. Il problema non si pone se acquista una autoradio che disponga della funzione RDS-AF (Radio Data System – Alternative Frequency), che provvede a cambiare automaticamente la frequenza su cui la radio è sintonizzata. Questo a condizione che l’emittente radiofonica trasmetta, sul canale dati RDS le “Frequenze Alternative”, e la RAI lo fa.

  • Buongiorno cosa si deve fare per ascoltarvi nel Molise? Luigi (sms del 21-09-2016 08:02)

    Per ascoltarci dove Isoradio non è trasmessa in FM ci sono diverse possibilità: 1) In mobilità, sul telefonino intelligente (= smartphone, pr. smartfòn, proposta in lingua italiana “intellifono” che non sembra aver avuto successo) tramite la APP (sta per “software APPlicativo”) di RadioRAI 2) Via satellite 3) A casa tramite il televisore, commutando la ricezione su “Radio” 4) Aspettare che la Radio Digitale in DAB+ sia estesa anche nelle zone che la interessano

  • Perché vi ostinate a chiamarvi Isoradio quando in ogni città avete una frequenza diversa? Il pignolo (SMS del 08-09-2016 10:51)

    Perché il servizio nasce come unica emittente isofrequenziale, e anche adesso la frequenza è, lungo le strade,sempre di 103,3 MHz. Nelle città vengono usate le frequenze disponibili.

  • Fate bene a dare le notizie sulla Sicilia ma vi ricordo che Iso in Sicilia si prende solo a Messina e provincia e a Palermo. Felice (msg del 07-07-2016 09:24) .

    Ha ragione, ma Isoradio può essere ascoltata anche tramite l’APP Radiorai da chi abbia uno smartfòn, e oggi una altissima percentuale di automobilisti lo possiede e può quindi ascoltare Isoradio.

  • Prima o poi Isoradio diverrà stereo? Oltre all'informazione mandate tanta bella musica. Gianfranco 23-05-2016 23:29:53

    Isoradio è già stereo nelle zone coperte con trasmettitori “a monte”. Purtroppo è impossibile che sia stereo nei trasmettitori collocati “a raso” lungo le strade (e nelle gallerie) per motivi tecnici. In quelle aree può ascoltarla in stereo o sulla Radio Digitale (nelle zone già coperte dal servizio) o tramite smartfon caricando la APP RadioRai.

  • Ascolto web - Perché l’ascolto audio sul web si sente a scatti, fa dei click o si interrompe ? Roberto

    Il flusso dati per l’audio viene erogato da server RAI, trasferito su internet (che è una rete estremamente complessa, le cui prestazioni variano da luogo a luogo, e anche da un minuto all’altro), e riprodotto dal PC (PC che hanno sistemi operativi diversi, hardware diversi, software diversi, aggiornamenti del software diversi). Questa complessità del collegamento, e la mancanza di normative cogenti in merito, fa sì che le cause del problema possano essere molteplici, e quindi di difficile individuazione, specialmente se saltuarie. Una prima causa può essere il PC, ma il problema si verifica “solo” con una emittente, questo è da escludere. La seconda causa potrebbe essere internet; anche qui se, dopo una osservazione adeguatamente lunga nel tempo, il problema è “solo” su una emittente questa causa è da escludere. La terza causa potrebbe essere l’emittente; ma purtroppo oggi la distribuzione di un flusso dati in streaming è una attività estremamente complessa: all’emittente si aggiungono i vari processi di controllo (ad esempio per misurare quanti utenti, ecc.), e di distribuzione (ogni emittente ga dei fornitori che attivano la larghezza di banda necessaria, server periferici, ecc. ecc.). Indviduare la causa è una attività estremamente complessa. E’ indispensabile quindi fornire all’emittente più informazioni possibile, quali: sistema operativo tipo di apparato (PC, smartfon, webradio, ecc.) tipo di problema (clik, interruzione, distorsione audio, interruzioni a scatti, ecc.ecc.) data e ora (con la maggior precisione possibile) titolo del brano, o del programma, dove si è riscontrato il difetto fornitore di connettività (TIM, Vodafone, Wind, ecc. fisso o mobile; collegamento via cavo, wi-fi, 3G, ecc.) tutto questo il più dettagliato possibile; anche se il problema si verificasse mille volte, ogni informazione è utile e RAI Digital le utilizzerà per le necessarie verifiche. 15 febbraio 2016

  • Da qualche decennio trascorro alcuni giorni di vacanza in Cadore. Ogni volta che faccio questo percorso non riesco a rassegnarmi all'idea che dal Cadore sino a Ferrara, dopo aver percorso per circa 250 km, la statale, la A27, la A4 e la A13 non sia disponibile il segnale Isoradio. Non si tratta di un piccolo problema tecnico ma di una grave carenza del servizio pubblico . Posso sapere perché e quando questo grave problema sarà risolto . Grazie . Vito

    Il servizio Isoradio è inziato nel 1990 realizzando una serie di trasmettitori “a valle” lungo l’autostrada A1 impiegando la frequenza di 103,3 MHz (non esistono provvedimenti legislativi che riservino tale frequenza a Isoradio su tutto il territorio nazionale); per ragioni tecniche il servizio Isoradio (monofrequenza) può svolgersi solo “lungo” una strada. In generale il servizio deve essere attuato impiegando trasmettitori “a valle” , allocati lungo la strade e nelle gallerie, e “a monte” che sono dello stesso tipo di quelli attivati per Radio1, 2, 3. Per installare i trasmettitori a valle è indispensabile un accordo della Rai con il Gestore della strada/ autostrada poiché gli impianti devono essere installati sulla sua proprietà; ciò vale a maggior ragione per le gallerie, poiché “ogni” galleria ha un suo impianto e lungo la galleria deve essere installato un “cavo fessurato”. Impianti e cavi vanno manutenuti, e ciò comporta l’apertura di veri e propri “cantieri stradali” affinché i tecnici possano lavorare con i mezzi sulla sede stradale.

  • Avete un link rtsp per ascoltare Isoradio su linux tramite rhythmbox o altre applicazioni simili?.

    Sono disponibili APP per l'ascolto di più RAdio, e aggregatori, ma i servizi di distribuzione di dirette e on demand dei contenuti multimediali vengono garantiti ed eserciti solo all'interno degli spazi web dei domini rai.it e rai.tv. Qualsiasi altra modalità in cui gli audiovideo vengono accedute da applicazioni esterne non può essere supportata.

  • Come faccio a sapere dove posso ascoltare Isoradio in FM?

    Dall' 11 luglio 2016 è attivo il Contact Center Rai Way al numero 06 94809596 , a cui si possono segnalare problemi di ricezione e richiedere informazioni sulla copertura del servizio. La società Raiway ha in gestione la rete di distribuzione di Isoradio, sia FM, che satellitare, che via Radio Digitale, che sui televisori.

  • Perché Isoradio non si riceve nella galleria...?

    Il servizio Isoradio nelle gallerie è stato attivato lunghe le tratte autostradali coperte dal servizio FM in seguito a un accordo tra il Gestore dell autostrada e RAI; gli impianti sono proprietà del Gestore che li realizza in base a una Convenzione con RAI. Se in una tratta il servizio non c'è, anche le gallerie incluse in quel tratto non sono coperte. Se invece il servizio sulla tratta c'è, allora la galleria può essere servita, e se non lo è può trattarsi di un impianto ancora da realizzare , oppure di un guasto che dovrà essere riparato. La presenza, o meno, del servizio Isoradio su una determinata tratta stradale dipende anche dalla disponibilità di frequenze per il servizio; in molti tratti autostradali RAI non dispone di frequenze e quindi l'accordo non può essere realizzato. Per segnalare il guasto si può mandare un SMS al 348 1031010, oppure scrivere a isoradio@rai.it inserendo nell'oggetto della mail "Guasto nella galleria....", oppure mandare un fax al 06 3319773, oppure ancora scrivere all'indirizzo postale di Isoradio. Oppure contattare Raiway al numero 06 94809596 , a cui si possono segnalare problemi di ricezione e richiedere informazioni sulla copertura del servizio.

Copertura geografica

  • A3 - Su tutta l'autostrada A3 non giunge il Vs segnale in FM da Napoli Pompei fino a Polla. Vi prego di estendere la vostra emittente in FM almeno a tutta la città di Salerno importante nodo autostradale e non solo. (SMS del 14-11-2016 15:00)

    La A3 è coperta nei tratti (si intende da km a km): intorno al km 0, 170-180, 215-475, 390-400, 480-493. Per “coperta” si intende dove il segnale è stabilmente almeno a livello 3 (in una scala da 0 a 5, dove 5 è l’ottimo) , altri tratti possono ricevere il segnale di qualità peggiore e con variazioni. Nei tratti diversi da quelli indicati non è prevista la copertura, per l’indisponibilità delle frequenze necessarie. In questo caso il gestore (ANAS) ha realizzato gli impianti Isoradio dove era (ed è) possibile, anche in alcune gallerie. Come si può notare intorno al km 0 Isoradio è trasmessa, ma Isoradio è concepita per coprire solo il nastro autostradale (è ciò che consente l’isofrequenzialità); per coprire Salerno necessiterebbe un trasmettitore apposito e la disponibilità di una frequenza, che può essere solo acquistata.

  • A3 - Perché sulla A3 Salerno-Reggio Calabria non abbiamo il segnale di isoradio all’all’altezza di Eboli? Massimo

    Perché il tratto autostradale Battipaglia-Eboli-Campagna non è coperto dal segnale di Isoradio, per mancanza di frequenze disponibili.

  • A4 - Nel tratto autostradale fra il casello di Rondissone e Torino non si sente la trasmissione o è tanto disturbata da renderla inascoltabile. Come mai ? Paolo (sms del 07-09-2016 07:24)

    La A4 Torino-Trieste è coperta dal servizio RAI in alcuni tratti in provincia di Verona e di Milano; nelle altre tratte riceve un segnale "spurio" da trasmettitori lontani, ma il servizio Isoradio non è previsto per indisponibilità delle frequenze. Quindi che tra Rondissone e Torino non si senta è dovuto alla mancanza del servizio, non si tratta di un guasto.

  • A6 - Sulla Torino Savona non si prende isoradio da anni e viaggiando per lavoro sarebbe super necessario. Domenico (SMS del 07-09-2016 09:45)

    La A06 è coperta dal km.10 al km.25, da un trasmettitore "a monte". La copertura dei km restanti (l'A06 è lunga 125 km) non è possibile causa indisponibilità della frequenza 103,3 MHz.

  • A8 - Vi ho conosciuto grazie alla radio in casa, ma quando viaggio con mio marito sulla A8 Milano- Varese non si prende la vs modulazione di frequenza. Valeria

    Sulla A8 Milano - Varese non è presente Isoradio.

  • A12...ecco inizia l'inverno ed isoradio a Pisa non va! Sono almeno tre anni che invio questo messaggio. Carlo. (SMS del 04-11-2016 07:35)

    Dal messaggio dell’ascoltatore appare che l’ascolto di Isoradio a Pisa peggiori all’inizio dell’inverno. Questi cambiamenti di “area di copertura” con il cambiamento delle condizioni meteo sono dovute alle leggi fisiche che governano la propagazione elettromagnetica, e se ne tiene conto nella progettazione degli impianti affinché la copertura progettuale sia garantita per un determinata percentuale di tempo. La città di PISA è attraversata dalla SS12, prossima alla SS1 , e dista circa 4 km (in linea d’aria) dalla A12, che ha l’uscita PISA Nord al km 151 e PISA Centro al km 162. Il problema è che né per la A12 in quel tratto, né per le strade statali vicine a Pisa, è prevista la copertura di Isoradio. Il segnale che giunge a Pisa proviene da trasmettitori a monte che coprono l’area “parzialmente” poiché non è prevista, e quindi non è realizzata, una copertura del 100% del territorio. Quindi il segnale residuale giunge fino a Pisa solo quando le condizioni meteo sono idonee. Non è prevista la copertura al 100% del territorio perché quando nacque Isoradio, nel 1989, la copertura era prevista solo lungo la A1; inoltre le condizioni interferenziali 27 anni fa erano ben diverse. La zona di Pisa potrà essere coperta dal servizio Isoradio in FM quando saranno realizzati impianti ad hoc, ma per realizzarli dovranno essere disponibili le frequenze di trasmissione, attualmente tutte occupate da privati.

  • A12 - Ma se per voi le nostre informazioni sono così preziose, perchè sono cinque anni che scrivo che sulla A12 nel tratto Prato Sestri Levante - La Spezia c'è una ricezione debole, e nessuno ha mai fatto nulla? Andrea da Genova

    Le vostre informazioni sono preziosissime. Ma sulla A12 nel tratto Sestri Levante - La Spezia , il servizio Isoradio è ricevibile (grazie a trasmettitori esistenti) solo in brevissimi tratti esterni alle gallerie, e l'estensione in galleria l momento non è prevista. Per realizzare infatti l'estensione in galleria, e in tratti particolarmente difficili da coprire (per cui Isoradio è la "killer application"), necessita la disponibilità del gestore dell'autostrada, poiché gli impianti insistono sulle infrastrutture di sua competenza. E la definizione di accordi abbastanza complessi tra il gestore dell'autostrada e RAI. RAI può installare impianti autonomamente solo "quando" e "dove" è possibile!

  • A13 - Mi reco spesso da Roma a Trieste, ma ogni volta, a metà strada tra Bologna e Padova, sull'A13 vi perdo definitivamente. Damiano (SMS del 06-11-2016 14:25)

    Il servizio Isoradio sulla A13 è previsto solo per i km 0-20 e 33-43, l’ulteriore copertura è residuale da altri trasmettitori ma non certificata, dove non c’è segnale è perché non arriva da altri impianti e non è previsto che ci sia.

  • A13 - Perché sulla A13 mi va via la sintonia di isoradio da Ferrara fino a Padova, c'è forse un'altra frequenza? Salvatore

    Sulla A13 da Ferrara a Padova non vi è servizio Isoradio, l'ultimo trasmettitore e un trasmettitore locale a Ferrara; l'estensione di copertura non è mai stata fatta per mancanza di frquenze libere. Nel Veneto esiste solo la 103,3 MHz in provincia di Verona e i 103,2 MHz in provincia di Vicenza.

  • A14 - Sulla A14 tra Cesena e Senigallia il segnale sulla portante 103,3 MHz non c’è. Perché? Franco (SMS del 14-11-2016 18:12)

    Va premesso che il “livello” di copertura del servizio va dal grado 1 (scarso) al grado 5 (ottimo); il grado di copertura dipende dalla situazione orografica, dal numero e posizione dei trasmettitori, dalle condizioni meteo e soprattutto dalle interferenze con altre emittenti che occupano le bande di frequenza disponibili. Le trasmissioni FM occupano la banda di frequenza 88 – 108 MHz. Quindi dagli 88 ai 108 MHz lo spettro elettromagnetico è riservato alle trasmissioni radiofoniche in FM, lasciando ad ogni canale una larghezza di banda di 200 kHz, con larghezza di banda utile di 180 kHz (la deviazione di frequenza prevista è di 75 kHz); quindi tra un canale e l’altro dovrebbero restare 40 kHz; con questa regola il canale 64 ha una frequenza portante di 100,70 MHz e Isoradio è il canale 77. Le frequenze portanti dovrebbero essere esattamente quelle centrali delle bande da 200 kHz, e le potenze dei trasmettitori dovrebbero essere calcolate in modo da garantire una determinata area di copertura senza sovrapporsi al segnale di altri trasmettitori. Se tutte le regole fossero rispettate sulla A14 il servizio (a livello 3) è previsto nelle seguenti tratte (si intende da km a km): 0-30, 37-100, 288-512, 590-601, 608-644. La copertura può cambiare lievemente in caso di condizioni meteo avverse e fortemente in caso di interferenze da altre emittenti la cui potenza di trasmissione cambi. Dove la frequenza portante 103,30 MHz era stata già occupata non è stato possibile realizzare il servizio Isoradio, dato che la frequenza andrebbe acquistata e il concessionario non ha alcun obbligo di cederla per il Servizio Pubblico Isoradio. La realizzazione del servizio Isoradio presuppone un accordo con il Gestore dell’Autostrada, che nel caso della A14 è Autostrade per l’Italia che ha un accordo con RAI a tal fine, e quindi sarebbe in teoria (con le frequenze disponibili lungo tutta la tratta) coprire tutta la A14. Cesena Nord è al km 94, Cesena al km100, Senigallia al km 194, quindi tale tratta non è coperta dal servizio Isoradio perché la frequenza 103,3 non è disponibile (perché in concessione a privati) in codeste zone.

  • A14 - Sto viaggiando sulla A14 tra Bari e Foggia, ma qui Isoradio e' inesistente...si puo fare qualcosa?Alessandra

    Da Cesena a Pescara Isoradio non è mai stata presente. Da Bari a Foggia idem, purtroppo al momento non sono previste estensioni del servizio.

  • A18 - Sulla A 18 il segnale si perde e secondo il mio modesto parere su questa autostrada il vostro servizio è molto utile per chi viaggia, ma si ferma a Messina città. Per quale motivo non è un servizio RAI ? Alfio (mail del 28 settembre 2016)

    Isoradio in Sicilia è servita con due trasmettitori a Palermo e Messina. Le ragioni per cui Isoradio in Sicilia non è più estesa sono diverse. La prima ragione è che il servizio nacque nel 1989 solo per la A1. La tecnologia Isoradio è possibile lungo un percorso autostradale perché la copertura FM è “lungo una linea”; per fornire il servizio “lungo la linea autostradale” è necessario però anche un accordo con il gestore dell’Autostrada. In Sicilia il servizio non era previsto e non esistono accordi con i Gestori autostradali. Il servizio Isoradio può essere anche fornito con trasmettitori “ a monte”, che sono stati realizzati nel corso dei decenni , ma in tal caso quasi sempre è impossibile conservare come frequenza portante i 103,3 MHz; continuare ad ascoltare Isoradio quando ci si muove è oggi però un problema di facile soluzione, poiché la funzione RDS-AF disponibile orami su tutte le autoradio consente di restare sintonizzati automaticamente sulla stazione d'interesse. Per realizzare il servizio “da monte” necessitano apparati (e investimenti), ma le frequenze in Italia sono tutte già occupate e quindi non sono quasi mai disponibili; solo quando accade che siano in vendita è possibile acquistarle (questo richiede investimenti consistenti). Isoradio è un servizio pubblico senza pubblicità, è quindi ogni investimento è al 100% un “costo”, e quindi va attuato seguendo regole, vincoli e condizioni particolarmente restrittive. Si procede all’estensione (come è avvenuto in Sicilia) quando si verificano condizioni particolari che consentano di rispettare tutte le regole e i vincoli.

  • A21 - Perché sulla A21 tra Villanova e Voghera non si riesce a captare il segnale di Isoradio, ne in FM né in DAB? (SMS del 07-11-2016 08:11)

    Perché sulla A21 il servizio Isoradio FM non è previsto, e il DAB non copre ancora tutta l’Italia. Per ulteriori informazioni sulla copertura può chiamare lo 06 94809596 o consultare il sito www.raiway.it o scrivere a Raiway Via Teulada 66 00195 Roma

  • A21 - Siamo sulla Piacenza Torino, all’altezza di Asti Est, e ISORADIO si prende malissimo! E’ cambiata la frequenza? Grazie Renza (SMS del 22-11-2016 10:47)

    La A21 Torino-Piacenza-Brescia, anche detta Autostrada dei Vini, purtroppo non è previsto che sia coperta da Isoradio (a livello 3 in una scala da 0 a 5). L’uscita Asti Est è al km 39, quindi il segnale proviene da altri trasmettitori “ a valle” che servono altre Autostrade, o “a monte” della RAI. Non essendo previsto ivi il servizio il segnale non è stato rilevato, quindi non siamo in grado di dirle da dove provenga il segnale che copre Asti, anche se malissimo. Purtroppo, non essendo prevista la copertura del servizio Isoradio, anche se si prende malissimo non è previsto un intervento. Per Isoradio, infatti, non è prevista una copertura nazionale come per Radio 1 – 2- 3.

  • A21 - Perché lungo la A21, da Torino c.so Regina Margherita fin dopo Voghera, Isoradio si sente molto disturbata? E in alcuni tratti non si sente proprio nulla? Daniele (mail dell'8 giugno 2016)

    Seguendo la mappa della A21 (http://www.aiscat.it/inautostrada/tratta.htm?ck=1&nome=autostrade&idl=4&aut_id=A21) il servizio è previsto (con livello >2) solo nelle tratte km.140-185, 215-238. Quindi è difettosa, o assente perché o si riceve il segnale da trasmettitori lontani, o perché il segnale non è previsto che ci sia; non si tratta quindi di un disservizio tecnico, ma di una copertura non realizzata perché non esiste una convenzione con il Gestore dell’Autostrada (per varie ragioni, ad esempio frequenza 103,3 già occupata), o perché non coperta da impianti “a monte”.

  • A22 - Perché sulla tratta A22 Modena-Verona il Vostro canale non si riceve? Saluti Serafino.

    La copertura lungo il tratto della A22 da Modena e Verona non è completata e quindi il servizio Isoradio è discontinuo con presenza solo vicino a Modena (grosso modo fino a Suzzara) e nelle vicinanze di Verona. Nel sito di RAI WAY è presente la “mappa di copertura”, ma non è dettagliata quanto sarebbe necessario per ottenere informazioni puntuali; ad esempio seguendo le indicazioni per individuare la frequenza da utilizzare per ricevere Isoradio, risulta ad esempio che la A4 Torino - Trieste è tutta servita dai 103,3 MHz quando invece, prendiamo il Veneto, il segnale è presente (all’incirca) solo fino a Verona per poi essere presente intorno a Vicenza sui 103.2 MHz e manca nel tratto Grisignano-Trieste. Purtroppo le frequenze necessarie per garantire il servizio sui 103,3 MHz sul 100% del tratto autostradale non sono disponibili.

  • A25 - Sulla A25 da Avezzano verso Pescara, tutto ok. Come mai a Sulmona non c’è segnale? Alfredo

    A Sulmona e in tutta la Val Peligna, Isoradio viene trasmessa dal ripetitore RAI di Monte San Cosimo sulla frequenza di 103,7 MHz, quindi non sui 103.3 MHz Se non si conosce la frequenza esatta doev trasmette Isoradio, è possibile settare sull' autoradio la funzione "Searc" in modo di usufruire in automatico delle liste alternative con la programmazione MFSA (o RDS- AF). In tal modo l'autoradio cambierà automaticamente la frequenza. Si usa una frequenza diversa dai 103,3 MHz poiché in quella zona non sono disponibili.

  • A26 - Da Vercelli a Ovada sulla A26 siete inesistenti ma non solo da oggi; perché non fate qualcosa? (SMS del 17-11-2016 09:14)

    La A26 Genova Voltri - Gravellona Toce , anche detta Autostrada dei Trafori, ha l’uscita Vercelli Ovest al km 103 e l’uscita Ovada al km 30. E’ lunga 197 km, e la copertura è prevista ai km (si intende da… a…) 0-30, 30-34 (Galleria Tagliolo), 75-161. Se dovessimo prendere le “uscite” dall’autostrada come riferimento ci sarebbe quindi un guasto dal km 75 al km 103, ma l’ascoltatore dà indicazioni troppo vaghe per un controllo (mancano i km), inoltre il fatto che scriva “non solo da oggi” fa ritenere che si riferisca ai tratti non coperti dal servizio Isoradio, ma per cui non è prevista la copertura. E’ questo uno dei casi di segnalazioni “non verificabili”, quindi inutili. Se invece l’ascoltatore vuole chiedere “perché il servizio non viene esteso?” , purtroppo la risposta può solo essere “perché non ci sono frequenze libere disponibili”. Sulla A26 infatti il gestore (Autostrade per l’Italia) ha già realizzato, in cooperazione con RAI, impianti ovunque le frequenze fossero disponibili (nelle gallerie il problema non si pone).

  • A26 - E il secondo giorno che non riesco a ricevere il vostro segnale A 26 Ovada Voltri e ad Alessandria Sud. Buona giornata Anna (SMS del 23-11-2016 08:04)

    La A26 Genova Voltri - Gravellona Toce, detta “Autostrada dei Trafori “, ha il km 0 all’incrocio con la A10 a Genova, l’ultima uscita a Gravellona Toce al km 194 e finisce al km 197 con la SS3 del Sempione. E’ coperta (almeno livello 3)dal servizio Isoradio ai km 0-34, 75-161. Per verificare se si tratti di un disservizio vanno fornite informazioni sufficienti a identificare con precisione il tratto stradale. L’uscita Ovada è al km 30. L’indicazione di “Voltri” è approssimativa poiché Voltri non è sulla Autostrada, ma è prossima sia alla A10 che alla A26, e quindi non consente una corretta individuazione del tratto. Tuttavia sembra sia coinvolto il primo tratto (km 0-30 servito), quindi la segnalazione può essere inoltrata ad Autostrade per l’Italia, gestore del tronco stradale in oggetto. All’uscita Alessandria Sud (km 59) il servizio non è previsto, e quindi in mancanza di migliori indicazioni non si può andare oltre.

  • A33 - Ad Alba abbiamo difficoltà a sentirvi, poiché la vs frequenza è occupata da una radio locale , peccato perché sulla A33 non vi sentiamo . Andrea

    La A33 Asti-Cuneo non è servita da Isoradio, quindi ad Alba, che è adiacente all'autostrada, non è possibile ascoltarla in FM.

  • SGC - Torno a scrivere per dire che sulla SGC FiPiLi il segnale non si sente nel tratto Montopoli (km 42) Cascina(km 62) come indicato da qualche tempo. Cosa si può fare? Ettore (SMS del 17-11-2016 08:25)

    La SGC (Strada di Grande Comunicazione) Firenze – Pisa – Livorno non è previsto sia coperta con trasmettitori per offrire il servizio Isoradio. Quando la copertura è “prevista” viene anche verificata in continuazione e garantita (salvo i tempi di intervento, che è sempre il più immediato possibile) . Se invece non c’è copertura prevista il segnale che in alcuni tratti giunge è “residuale” da altri trasmettitori, vale a dire che in termini statistici non è un vincolo che arrivi per una certa percentuale del tempo. Installare dei trasmettitori lungo la SGC necessita si un accordo con il Gestore del tratto stradale (che deve essere interessato a stipularlo) e della disponibilità delle necessarie frequenze. Come spiegato in altre FAQ la situazione dello spettro elettromagnetico FM in Italia è complessa. In assenza del verificarsi di queste due condizioni la copertura della SGC non può essere estesa, a meno di potenziamenti e realizzazioni di impianti “a monte”; sempre possibile ma al momento non prevista.

  • SS106 - Sulla strada statale 106 Jonica da Metaponto (provincia di Matera) in direzione Sud verso la Calabria la vostra radio non si sente perché il vostro canale lo occupa un'altra radio. Come si può ascoltare isoradio su quel tratto di strada? Michele (SMS del 14-06-2016 20:46)

    La SS106 all’altezza in Basilicata non è coperta dal servizio Isoradio, quindi non si tratta di mancata ricezione per interferenza. Quando la frequenza di 103,3 MHz è occupata, l’unico modo perché Isoradio possa disporne è acquistarla, e realizzare il necessario impianto di radiodiffusione. Nell’attesa può ascoltare Isoradio tramite l’APP RadioRAI, eventualmente collegando l’uscita audio del "telefono intelligente" (in inglese "smartphone", letto "smartfòn") all’ingresso EXT del sistema audio della sua vettura. Sono definiti oggi "telefoni intelligenti" i modelli che permettono di far girare programmi (in inglese "software", o "application" da cui la sintesi APP).

Programmi

Sicurezza stradale

  • Come si può guidare con le cuffie ? E ammesso? Ivan da Milano (SMS del 12-12-2016 09:30)

    Non è ammesso guidare con le cuffie. Il Codice della Strada prescrive che il conducente (di qualunque mezzo, anche in bici) debba sempre potere ascoltare l’ambiente esterno per poter guidare al meglio; quindi non è ammesso nulla che possa impedire od ostacolare questa percezione, non sono quindi ammesse le cuffie. Inoltre in caso di difformità di percezione acustica l’orecchio “buono” deve essere riservato alla guida, quindi un eventuale auricolare va sull’orecchio meno buono. Per la stessa ragione il livello dell’audio diffuso entro l’auto deve essere adeguato a non coprire i rumori esterni e comunque inferiore agli 80 dBA (asciugacapelli, sveglia a 60 cm). In sostanza, è proibito “isolarsi” acusticamente dal mondo esterno.

  • Volevo chiedere chi gestisce la congruità dei limiti di velocità. È mai possibile che sulla tratta Baiano Candela di 107 km vige il limite di 80 km/h?? È solo un modo per fare cassa?? Nessuno valuta che su certi tratti andare a 80 è estremamente pericoloso?? Grazie per l'attenzione (SMS del 20-11-2016 17:25)

    Non conosciamo la tratta indicata, ma la questione è posta frequentemente dai nostri ascoltatori, e la risposta vale per qualunque tratta. Il limite di velocità su un tronco stradale è determinato al fine di mantenere elevato il livello di sicurezza stradale, ed è assodato che più la velocità massima è bassa e più sono bassi il numero e la gravità degli incidenti. Il limite di velocità (in questo caso 80 km/h) va inteso come limite “massimo” da non superare MAI (salvo nei casi previsti dal CdS), e quindi l’automobilista può tranquillamente viaggiare alla velocità inferiore quando e dove lo ritiene più sicuro. Un conducente che rispetti il limite di velocità NON costituisce MAI intralcio alla circolazione se rispetta le altre regole del CdS (in sintesi: tenere la destra), e se altri automobilisti lo sollecitano ad accelerare, o lo sorpassano, o si avvicinano non rispettando la distanza di sicurezza (che ricordiamo è poco meno della velocità in decine di km/h moltiplicata per se stessa), o attuano altri comportamenti che possano creare pericolo, possono essere sanzionati.

  • In autostrada d'inverno i lavori che fanno solo pochissimi ma d'estate nei momenti di intenso traffico lavori interruzioni e deviazioni. Vorrei sapere solo quale criterio usano Francesco da Caserta (msg del 07-07-2016 09:07)

    Esistono ragioni esclusivamente tecniche. D’estate le giornate sono più lunghe, e c’è più tempo per lavorare. Pioggia, neve e nebbia praticamente non ci sono, e quindi si può lavorare più a lungo e meglio. La visibilità è migliore, quindi è minore il rischio di investimento per chi sta lavorando. Inoltre alcune lavorazioni (gettate, spianatura, asfaltatura) è preferibile siano effettuate quando la temperatura esterna è alta.

  • Perché nonostante i vostri spot sulla sicurezza stradale e sui comportamenti corretti ci sono conducenti che viaggiano tranquillamente in corsia centrale a 90 km orari infischiandosi delle auto che sopraggiungono? Patrizio (msg del 06-07-2016 15:56)

    Il desiderio (o l'interesse economico) di correre più velocemente possibile deve adeguarsi alle regole del Codice della Strada, concepite ponendo in primo piano la Sicurezza Stradale. Sicurezza che è tanto maggiore quanto minore è la velocità del veicolo, che comporta possibilità di tempi di reazione maggiori e spazi di frenata minori. Se la corsia più a destra è occupata, e quindi l’obbligo di occupare la corsia libera più a destra è rispettato, il veicolo che viaggia nella corsia centrale (oltre gli altri obblighi imposti dal Codice della Strada) può essere obbligato a viaggiare ad una velocità minima (sul GRA di Roma è 60 km/h); “ se” esiste tale obbligo, il conducente che viaggia a velocità uguale o superiore (ma inferiore al limite massimo di velocità) alla soglia fissata è perfettamente in regola con il CdS. Gli altri conducenti possono solo sorpassarlo (ovviamente, essendo in ipotesi la corsia di destra già occupata, non è possibile il superamento) o accodarsi. Il CdS infatti è redatto per accrescere la sicurezza di chi guida, infatti dato che il rischio di incidente cresce con la quarta potenza della velocità (all’incirca) un conducente che guidi a 90km/h ha un rischio pari al 23% di chi corre a 130 km/h; il conducente che guida a 60 km/h corre un rischio pari al 4% di chi va a 130 km/h. Il conducente che occupi la prima corsia a destra guidando a 30 km/h (su tale corsia non c’è limite minimo di velocità) corre un rischio pari al 3 per mille di chi guidi a 130 km/h. Quindi chi guida a 90km/h sulla corsia centrale, quando quella di destra è occupata, dimostra di aver a cuore la Sicurezza Stradale, sua e altrui. Lampeggiare, suonare, approssimarsi troppo al veicolo che precede (la distanza di sicurezza prudente è il quadrato della velocità espressa in decine di km/h) a una velocità ammessa per sollecitarlo ad accelerare, sono comportamenti passibili di sanzione ai sensi del CdS.

  • Tra Calenzano e Firenze sud la strada è lineare, prevalentemente dritta e a tre corsie....come è possibile che il limite sia 90 km/h me lo potete spiegare? Grazie e buona giornata, Maurizio (sms del 24-05-2016 ore 07:52:02 )

    Non conosciamo la motivazione “tecnica” del limite fissato, per cui si deve chiedere al Gestore della Strada. Tuttavia vale, in generale, il “principio di sicurezza”. Vale a dire che la strada (quindi anche i limiti di velocità) è progettata, realizzata ed esercita per garantire una guida in totale sicurezza, per quanto riguarda l’infrastruttura. Il Codice della Strade prescrive l’obbligo, per il guidatore, di una guida non pericolosa. Una strada quindi, e questo è un obbligo, non va percorsa alla “massima velocità possibile” ma alla velocità in cui la sicurezza è certa, tenendo conto di tutti i fattori. Questo può comportare che la velocità massima prevista sia più bassa di quella che il conducente, che vede una strada a tre corsie in quel momento vuota, ritiene di poter praticare. Il Codice della Strada non considera la fretta (l’emergenza sì, ad esempio nel trasporto di un malato in pericolo di vita) una ragione valida per violare i limiti di velocità. Lo stesso vincolo si pone ove vi siano limiti di velocità per corsie. Ad esempio, sul GRA di Roma nella corsia di destra non c’è limito minimo di velocità, nella centrale il limite minimo è 60 km/h, nella corsia di sorpasso è di 90 km/h. Se le corsie sono tutte occupate, chi al centro va a 61 km/h è perfettamente in regola con il CdS, poiché non intralcia il traffico e viaggia in condizioni di sicurezza. Così come superare di più di 10km/h il limite di velocità di 130 km/ dà luogo a sanzione, e affermare che "bloccava la corsia di sorpasso" non è una ragioen valida per sorpassare. Le strade non sono un luogo da percorrere “più velocemente possibile”, ma da percorrere nella massima sicurezza.

Rai.it

Siti Rai online: 847