Notiziario CCISS del giorno 22/09/2017 ore 12:30

Ascolta la diretta

Contatta Isoradio
via sms 348 / 103.10.10
I vostri messaggi
VISUALIZZA GLI ALTRI SMS

Meteo Mobilità


Isoradio riceve e distribuisce le previsioni sull'andamento meteorologico per le esigenze di chi si sta muovendo e può solo ascoltare. Vai alla pagina delle previsioni

INFOTRAFFICO

Collaborazioni CCISS Aiscat Polizia di Stato Autostrade Arma dei Carabinieri ANASACI

Traffic Message Channel


Il Traffic Message Channel (TMC) è un servizio dati che viene trasmesso "paralellamente" all'audio, sfruttando il canale Radio Data System (RDS). Infatti l'RDS offre moltissime altre funzioni, oltre quella banale di far leggere il nome dell'emittente sul display della radio. Il TMC contiene tutte le notizie sul traffico rese disponibili dal CCISS (Centro Coordinamento Informazioni Sicurezza Stradale) e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Chi dispone di un autonavigatore che fornisce le informazioni in tempo reale sfrutta appieno il servizio RDS-TMC poiché l'autonavigatore usa una piccola radio FM per riceverle. La distribuzione del servizio RDS-TMC della RAI è totalmente gratuita essendo la RAI il Broadcaster Pubblico.
Leggi tutto
Scarica l'Applicazione Radio Rai

In Primo Piano

Corsi per la Patente di guida con realtà aumentata

La realtà virtuale consente di simulare situazioni reali

18-05-2017 13:51

Corsi per la Patente di guida con realtà aumentata

 

La scarsa formazione degli automobilisti e ciclistièuno dei punti dolenti per accrescere la “sicurezza stradale”. Tra le tante proposte, oltre a prevedere aggiornamenti periodici con il meccanismo dei “crediti”, anche l’uso delle nuove tecnologie informatiche.

Per la prima volta nelle autoscuole arrivano realtà aumentata e realtà virtuale per imparare a guidare in modo più divertente ed esperenziale. Il  metodo per l’insegnamento della teoria nelle scuole guida prevede l’utilizzo di manuali, riproduzioni  grafiche, video e tradizionali simulatori di guida, che consentono  di visualizzare la strada lato guidatore, in modo però poco immersivo.

“Guida e Vai”, gruppo  con oltre 400 Associati su tutto il territorio nazionale, ha scelto di rivoluzionare la strategia didattica introducendo la  realtà aumentata e la realtà virtuale. Una novità utilissima,   con queste nuove tecnologie durante la spiegazione gli studenti hanno la possibilità di visualizzare in 3D ciò di cui si sta parlando. Ad esempio se l’argomento di una lezione è il “dare precedenza ad un incrocio”, gli allievi si ritrovano  materialmente proiettati nella situazione e possono attraversare l’incrocio come se fossero lì fisicamente. Questa è la vera innovazione che “Guida e Vai” sta portando nel settore, lanciando così la  realtà virtuale e realtà aumentata a supporto delle lezioni teoriche per conseguire la patente di guida.





I giovani hanno bisogno di vivere le esperienze per comprenderle al meglio. E’ possibile utilizzare i visori ottici e trovarsi immersi in una città virtuale, in cui è possibile guardare, in modo realistico, ciò che poco prima si è studiato sui libri.

Ogni situazione particolare alla guida diventa così più facile da comprendere e il metodo di studio diventa dinamico e interattivo. L’istruttore, inoltre, ha il pieno  controllo di ciò che i ragazzi visualizzano, in modo da scegliere cosa mostrare, quali argomenti approfondire e monitorare l’utilizzo dei visori.

Ora è possibile mettere a disposizione degli studenti non  solo i classici supporti cartacei (anche in formato e-book), ma anche un nuovo manuale completo di schede che integrano la realtà aumentata, con cui è possibile mostrare oggetti virtuali, come modelli di dossi, incroci, rotonde, segnali stradali e molto altro, in uno spazio reale.

“Con questo metodo è molto più semplice capire e imparare a riconoscere i segnali stradali.  Ad esempio ora sono finalmente riuscita a comprendere la differenza tra divieto di transito e divieto di accesso.” – ha dichiarato una studentessa.

Gli istruttori di scuola guida ora sono in grado di mostrare agli allievi dotati di visore ottico anche le situazioni di guida più complesse. L’apparecchio trasporta gli studenti in vari scenari a seconda dell’ambiente simulato. Queste simulazioni, inoltre,  consentono di mantenere alto e vivo l’interesse durante la lezione, facilitando l’apprendimento. Lo studente “entra” nei contenuti e così lo studiare si arricchisce, pur non essendo un gioco. Ultime ricerche hanno dimostrato che con l’insegnamento immersivo si ha un miglioramento più del 30% rispetto alle tecniche di insegnamento tradizionali,a parità di impegno.

Il team di  programmatori della Software House Reddoak, che si è occupata dello sviluppo dell’app Quiz Patente Guida e Vai, del software Everest utilizzato dalle autoscuoledel gruppo Guida e Vai e di molte altre applicazioni di successo nel settore automotive, sta lavorando alla creazione di un vasto numero di contenuti.

Sito web: www.guidaevai.com

 

Rai.it

Siti Rai online: 847