Notiziario CCISS del giorno 19/01/2019 ore 17:30

Ascolta la diretta

Contatta Isoradio
via sms 348 / 103.10.10
I vostri messaggi
VISUALIZZA GLI ALTRI SMS

Meteo Mobilità


Isoradio riceve e distribuisce le previsioni sull'andamento meteorologico per le esigenze di chi si sta muovendo e può solo ascoltare. Vai alla pagina delle previsioni
Collaborazioni CCISS Aiscat Polizia di Stato Autostrade Arma dei Carabinieri ANASACI

Traffic Message Channel


Il Traffic Message Channel (TMC) è un servizio dati che viene trasmesso "paralellamente" all'audio, sfruttando il canale Radio Data System (RDS). Infatti l'RDS offre moltissime altre funzioni, oltre quella banale di far leggere il nome dell'emittente sul display della radio. Il TMC contiene tutte le notizie sul traffico rese disponibili dal CCISS (Centro Coordinamento Informazioni Sicurezza Stradale) e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Chi dispone di un autonavigatore che fornisce le informazioni in tempo reale sfrutta appieno il servizio RDS-TMC poiché l'autonavigatore usa una piccola radio FM per riceverle. La distribuzione del servizio RDS-TMC della RAI è totalmente gratuita essendo la RAI il Broadcaster Pubblico.
Leggi tutto

In Primo Piano

In caso di incidente la polizia potrà controllare i telefonini

Il nuovo provvedimento per ora è attivo solo nel Friuli-Venezia Giulia

02-07-2018 16:13

In caso di incidente  la polizia potrà controllare i telefonini

 

Per contrastare gli incidenti provocati da distrazioni dall’uso dei gadget elettronici, la Polizia introduce nuove misure di controllo sui dispositivi a bordo di un'auto coinvolta in un grave sinistro. Telefonini, tablet e agli altri apparati potranno essere oggetto di accurate verifiche per appurare che al momento dell'impatto il conducente non fosse impropriamente impegnato in chat, scrittura di sms, ricerca di contatti in rubrica, digitazione sul navigatore o sul motore di ricerca web.

L'indicazione, si legge sul quotidiano di informazione giuridica dirittoegiustizia.it, arriva dalla Procura di Pordenone che, su input della Procura generale di Trieste, ha emanato la direttiva numero 4414 del 26 giugno 2018: per il momento sarà seguita in tutto il Friuli-Venezia Giulia, ma in futuro potrebbe essere adottata anche in altre aree del Paese.

 "L'autista coinvolto in un grave incidente stradale dovrà prontamente collaborare con gli organi di polizia esibendo cellulari, tablet e ogni altro dispositivo reperibile nell'abitacolo, per consentire nell'immediatezza di verificare eventuali interferenze con la condotta di guida", si legge nella pubblicazione che commenta gli effetti procedurali del provvedimento. "Per chi si rifiuta o nasconderà il telefonino, scatterà la perquisizione personale con il sequestro dell'apparato". I dispositivi elettronici saranno verificati in loco, in particolare quello del conducente, che avrà la facoltà di farsi assistere da un avvocato.

 "Nel verbale - prosegue dirittoegiustizia.it - si darà atto se sono presenti messaggi o chat aperte e coincidenti con il momento del sinistro". Se non emergeranno elementi probatori l'apparecchio sarà restituito al proprietario, altrimenti "si procederà al suo sequestro".

Rai.it

Siti Rai online: 847