Notiziario CCISS del giorno 24/09/2018 ore 17.30

Ascolta la diretta

Contatta Isoradio
via sms 348 / 103.10.10
I vostri messaggi
VISUALIZZA GLI ALTRI SMS

Meteo Mobilità


Isoradio riceve e distribuisce le previsioni sull'andamento meteorologico per le esigenze di chi si sta muovendo e può solo ascoltare. Vai alla pagina delle previsioni

INFOTRAFFICO

Collaborazioni CCISS Aiscat Polizia di Stato Autostrade Arma dei Carabinieri ANASACI

Traffic Message Channel


Il Traffic Message Channel (TMC) è un servizio dati che viene trasmesso "paralellamente" all'audio, sfruttando il canale Radio Data System (RDS). Infatti l'RDS offre moltissime altre funzioni, oltre quella banale di far leggere il nome dell'emittente sul display della radio. Il TMC contiene tutte le notizie sul traffico rese disponibili dal CCISS (Centro Coordinamento Informazioni Sicurezza Stradale) e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Chi dispone di un autonavigatore che fornisce le informazioni in tempo reale sfrutta appieno il servizio RDS-TMC poiché l'autonavigatore usa una piccola radio FM per riceverle. La distribuzione del servizio RDS-TMC della RAI è totalmente gratuita essendo la RAI il Broadcaster Pubblico.
Leggi tutto
Scarica l'Applicazione Radio Rai

In Primo Piano

Auto a Guida automatizzata, cosa sono i livelli 0, 1, 2, 3, 4 e 5

Sono definiti dalla SAE International Automotive

14-06-2018 06:00

Auto a Guida automatizzata, cosa sono i livelli 0, 1, 2, 3, 4 e 5

 

L'Associazione USA denominata  SAE International Automotive ha stabilito attualmente 6 livelli (Livello Zero + 5 livelli) per classificare  la guida automatizzata dei veicoli. Si tratta di uno standard per verificare il grado di automazione delle auto in base al quale per esempio stabilire limiti e vincoli.

 I livelli sono complessivamente 6 e vanno dal più basso, il livello 0, a quello più elevato, attualmente definito come livello 5. Questa classificazione potrebbe essere in futuro modificata  man mano che la tecnologia aprirà nuovi scenari e nuove potenzialità.

 Il livello zero è in realtà un livello base  che offre una prima distinzione  tra auto automatizzate elettronicamente o meccanicamente.

Livello 0

Nessuna automazione elettronica.

 Il guidatore è l'unico elemento in grado di gestire direzione e velocità all'automobile cosi come decidere di incrementare o rallentare la propria velocità. Il livello zero si applica a tutte le automobili prodotte fino ai primi anni 2000 e a quelle a basso prezzo  prive di sistemi  elettronici, sempre meno diffuse visto che ad oggi anche le auto economiche sono equipaggiate di elettronica perché meno costosa dell’automazione meccanica.

Livello 1

Guida assistita - Presenza di supporti per la guida assistita

 Questo livello di automazione prevede che il guidatore prenda le decisioni in merito a frenate, accelerazioni e direzione ma sia supportato a livello informativo da altri sistemi che possono indicare la presenza di pericoli o condizioni avverse. L'automobile si limita ad analizzare e rappresentare le situazioni sotto forma di allerta  visivi o acustici. Il guidatore ha la totale e piena responsabilità del veicolo.

Livello 2

Automazione parziale

 Il livello 2 prevede una prima automazione di alcune funzioni di guida. In questa situazione l'automobile gestisce accelerazione e frenate attraverso sistemi di diverso genere come per esempio la frenata assistita, la frenata di emergenza anticollisione e altro ancora ma direzione e controllo traffico restano esclusive del guidatore che dovrà quindi gestire tutte le situazioni. Tutte le automazioni sono senza ambiguità.

Livello 3

Automazione condizionata

 Il livello tre è il primo livello in cui il software di automazione inizia a “scegliere” tra diverse alternative.

A  questo livello, l'auto  dovrebbe essere in grado di muoversi senza intervento umano  gestendo accelerazione, frenate e direzione mentre il pilota deve intervenire nelle situazioni problematiche o laddove la guida automatizzata  non sia permessa o sia troppo pericolosa. Purtroppo non sono univocamente e universalmente definite né le situazioni problematiche né quali siano le situazioni di pericolo.

Il pilota  può restare  spettatore (a suo rischio) ma  ha il compito di monitorare il traffico stradale e deve essere sempre  pronto ad intervenire su richiesta o in caso di condizioni avverse. Diverse automobili presentano dei livelli 3 come per esempio l'auto che si parcheggia da sola; anche qui non esistono normative adeguatamente dettagliate, che tengano conto anche del vincolo di azzerare il rischio per arrivare a "Incidenti zero".

Livello 4

Alta automazione

Il quarto livello prevede la gestione autonoma di accelerazione, frenata, direzione e controllo traffico; il confine con il livello tre è confuso.

 L'automobile dovrebbe prevedere e gestire le tipiche situazioni dovute al traffico o alla percorrenza di strade urbana o extraurbane. Non è definito quali siano le situazioni tipiche.

 In questa situazione l'automobile  dovrebbe essere in grado di  guidarsi senza conducente, ma il pilota deve poter  riprendere il pieno e totale controllo dell'auto immediatamente. Non può quindi confidare al 100% nella vettura.

Livello 5

Guida interamente autonoma

In questo livello, la presenza del pilota è totalmente inutile.  L'auto si muove esclusivamente  in maniera autonoma gestendo completamente tutti gli aspetti tipici della guida.

 L'auto in base ai compiti richiesti si occupa in autonomia di individuare il percorso da seguire, prendere la giusta direzione, accelerare o rallentare in base alle condizioni di traffico o alle situazioni emergenti.

In tutti i livelli sono ancora da definire e normare quali siano le situazioni standard, quelle possibile, le scelte accettabili e quelle inaccettabili; sembra  strano, ma a volumi di software corrisponde il “quasi nulla” normativo, mentre le responsabilità penali sono non definite in moda aggiornato. Mentre i livelli 0,1 e 2 sono nettamente definiti, e il livello 5 è definito dall’essere la vettura totalmente capace di gestirsi in “ogni” (senza eccezioni) situazione, i livelli intermedi vivono in un vaghezza tale che non è neanche possibile definire livelli intermedi (ad es. 3.1, ecc.). 

Rai.it

Siti Rai online: 847