Notiziario CCISS del giorno 27/02/2017 ore 18:00

Ascolta la diretta di

Contatta Isoradio
via sms 348 / 103.10.10
I vostri messaggi
VISUALIZZA GLI ALTRI SMS

Meteo Mobilità


Isoradio riceve e distribuisce le previsioni sull'andamento meteorologico per le esigenze di chi si sta muovendo e può solo ascoltare. Vai alla pagina delle previsioni

INFOTRAFFICO

Collaborazioni CCISS Aiscat Polizia di Stato Autostrade Arma dei Carabinieri ANASACI

Traffic Message Channel


Il Traffic Message Channel (TMC) è un servizio dati che viene trasmesso "paralellamente" all'audio, sfruttando il canale Radio Data System (RDS). Infatti l'RDS offre moltissime altre funzioni, oltre quella banale di far leggere il nome dell'emittente sul display della radio. Il TMC contiene tutte le notizie sul traffico rese disponibili dal CCISS (Centro Coordinamento Informazioni Sicurezza Stradale) e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Chi dispone di un autonavigatore che fornisce le informazioni in tempo reale sfrutta appieno il servizio RDS-TMC poiché l'autonavigatore usa una piccola radio FM per riceverle. La distribuzione del servizio RDS-TMC della RAI è totalmente gratuita essendo la RAI il Broadcaster Pubblico.
Leggi tutto
Scarica l'Applicazione Radio Rai

In Primo Piano

Esportazioni auto, l’Italia è ormai al tredicesimo posto

Un livello di ricerca tecnologica insufficiente tra le cause

15-02-2017 17:31

Esportazioni auto, l’Italia è ormai al tredicesimo posto

 Le automobili rappresentano il secondo prodotto di esportazione nel mondo ,  dietro soltanto al petrolio greggio. Per il 2015 il loro  valore è stato  stimato a 672,9 miliardi di dollari.

Il fatturato globale di vetture esportate nel 2015 ha visto una crescita del 5,5% rispetto al 2011, ma una flessione del 5,2% rispetto ai 709,7 miliardi dollari del 2014.

I più pagati esportano di più

In contrasto con l’ipotesi  che i  bassi salari svantaggino le esportazioni, sono proprio gli Stati  europei a realizzare  la maggior percentuale  delle esportazioni di automobili: circa  363,9 miliardi di dollari, il 54,1% delle spedizioni internazionali del settore.

I mercati di vendita  cambiano a seconda dei marchi, ma le spedizioni hanno meta principalmente verso gli Stati  dell’Europa occidentale, di Asia e Africa.

Nella classifica internazionale degli esportatori di vetture l’Italia,  una delle nazioni  con aziende storiche storiche per la produzione automobilistica, è ormai solo al tredicesimo posto con un cinquantesimo delle esportazioni mondiali, pari a soli 14 miliardi di dollari.


Posizione dell'Italia

L’Italia produce ormai solo  il 2,08% dell’export mondiale. L’attribuire questo calo ai salari troppo alti  non è coerente con il fatto che Germania e Giappone, che hanno tra i salari più alti al mondo, con le proprie aziende automobilistiche (Volkswagen e Toyota in primis) sono in testa alle classifiche di vendita.

Primo paese esportatore mondiale è infatti la Germania, che produce  oltre un quinto, il 22,7% del mercato mondiale, per un valore di 152,7 miliardi di dollari. Più del  decuplo dell’Italia e quasi il doppio di quanto esporti il  Giappone, con 86,1 miliardi e il 12,7%.

Con un mercato interno enorme,  gli USA sono terzi  con l’8,7%, davanti a Canada e Corea del Sud, rispettivamente con il 6,7% e 6,2% dell’export internazionale.

In Europa esportano il  Regno Unito  che fa il triplo di noi (sesto al mondo, 5,8%), la Spagna  che fa quasi il triplo (4,9%), il Belgio che fa il doppio dell’Italia (4,10%) e la Francia  che esporta il 35% in più di noi (2,7%). Significativa  la crescita del Messico, che esporta ben il 150% più di noi, con 32,8 miliardi di dollari e il 4,9% delle esportazioni globali.


Il miracolo Slovacchia

A rafforzare l’immagine del continuo declino italiano è l’essere stata superata anche dalla Slovacchia, che  negli ultimi anni ha continuamente aumentato la sua produzione di automobili (arrivando a superare nel 2015 il milione di vetture), la grandissima parte delle quali viene esportata.  Lo scorso anno la produzione  ha raggiunto il  milione 40 mila automezzi   e la Slovacchia è Stato  leader nel mondo per numero di vetture prodotte ogni mille abitanti, 191. Quest’anno entrerà in funzione una linea per un nuovo modello Peugeot, e si stanno rinnovando i modelli di Volkswagen, mentre per il 2018 è atteso l’inizio della produzione del nuovo impianto del gruppo Jaguar Land Rover. Dalla fabbricazione della nuova Land Rover Discovery (che sarà prodotta in contemporanea in Gran Bretagna e in Slovacchia) sono attese uscire, a regime, 150.000 unità, aumentando ancora la capacità produttiva e di esportazione. La produzione automobilistica ha raggiunto nel 2016 il 44% dell’intera produzione industriale, e il 35% delle esportazioni totali.

 Nella classifica internazionale degli esportatori di vetture, la Slovacchia si posiziona con 14,1 miliardi di dollari al 12esimo posto nel mondo (2,095% dell’export mondiale), dietro alla Repubblica Ceca (16,9 miliardi) ma davanti all’Ungheria (11,2) e alla Polonia (6,5); e soprattutto davanti all’Italia.

Troppo poca ricerca


Secondo il report ANFIA, l’automotive si caratterizza per l’attività innovativa in comparti ad alta intensità tecnologica. L’innovazione nell’automotive ha assunto negli ultimi  decenni un ruolo sempre più centrale. Da un lato l’introduzione nel processo produttivo di componenti elettronici sempre più sofisticati ha allargato gli ambiti  tecnologici coinvolti nella produzione. Le principali aree di ricerca dell’automotive riguardano oltre all’elettronica, le tecnologie di automazione, le tecnologie di connessione, la ricerca sui materiali, i sistemi di alimentazione, motore e distribuzione. Il 75% di un’auto è costituito da componenti. Una  stabilità della quota di export italiano passa quindi per massicci investimenti nella ricerca & sviluppo, settore dove l’Italia investe circa un terzo di quanto investa la Germania.

Rai.it

Siti Rai online: 847