Notiziario CCISS del giorno 25/06/2019 ore 17.30

Ascolta la diretta

Contatta Isoradio
via sms 348 / 103.10.10
I vostri messaggi
VISUALIZZA GLI ALTRI SMS

Meteo Mobilità


Isoradio riceve e distribuisce le previsioni sull'andamento meteorologico per le esigenze di chi si sta muovendo e può solo ascoltare. Vai alla pagina delle previsioni
Collaborazioni CCISS Aiscat Polizia di Stato Autostrade Arma dei Carabinieri ANASACI

Traffic Message Channel


Il Traffic Message Channel (TMC) è un servizio dati che viene trasmesso "paralellamente" all'audio, sfruttando il canale Radio Data System (RDS). Infatti l'RDS offre moltissime altre funzioni, oltre quella banale di far leggere il nome dell'emittente sul display della radio. Il TMC contiene tutte le notizie sul traffico rese disponibili dal CCISS (Centro Coordinamento Informazioni Sicurezza Stradale) e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Chi dispone di un autonavigatore che fornisce le informazioni in tempo reale sfrutta appieno il servizio RDS-TMC poiché l'autonavigatore usa una piccola radio FM per riceverle. La distribuzione del servizio RDS-TMC della RAI è totalmente gratuita essendo la RAI il Broadcaster Pubblico.
Leggi tutto

In Primo Piano

Il processo Diele

Una rettifica

10-05-2018 11:00

Il processo Diele

Riceviamo e pubblichiamo una richiesta di rettifica da parte dello Studio Legale Prof. Avv. Giuseppe Montanara.


"In nome e per conto del Sig. Domenico Diele, da noi assistito e difeso, ed in seguito alla pubblicazione in internet da parte di isoradio.rai.it dell'articolo dal titolo "Chiesti otto anni di carcere per  l'attore che guidava ubriaco e drogato. Confermate tutte le accuse", avvenuta in data 2 maggio 2018 e che viene allegata alla presente, si rettifica e si precisa quanto segue:

Ai fini  della responsabilità penale per il delitto di omicidio stradale e per le sue aggravanti non ha alcuna rilevanza la presenza di sostanze stupefacenti, ma è unicamente e solamente necessaria l'esistenza di una alterazione delle condizioni psicofische del conducente, in derivazione causale quale alta e prevedibile probabilità di assunzione di tali sostanze.
 
In seguiti ai quesiti d'ufficio posti sul punto dal Giudice procedente ai periti, questi ultimi hanno così concluso, sia nella relazione scritta che nell'esame dell'udienza:" non è possibile stabilire, con citerio di elevata probabilità, che il sig. Domenico Diele, al momento dell'incidente, avesse un driving impairment da assunzione di sostanze stupefacenti. Dagli esami tossicologici svolti dalla consulnte del P.M. non è possibile dare ulteriori indicazioni sul grado di impairment per il limitato numero di analiti ricercatie  qualificati!"

Mai, in nessuna occasione. a Diele è mai stata nemmeno contestata o ipotizzata la guida in stato di ebrezza, e men che mai alcuna forma di ubriachezza.

Pertanto ben al contrario  di quanto riprodotto nel titolo  e nel contenuto dell'articolo menzionato in epigrafe, la  alterazione psicofisica del sig. Diele non soltanto non è certa, ma è  esclusa quale elemento probatorio dall'accertamento peritale; ed il riferimento ai tempi di frenata riferiti nella perizia ingegneristica - peraltro fondati  su calcoli imprecisi ed errati - sono pertanto, ad oggi, del tutto inefficaci, in quanto possono essere attribuiti a qualsiasi fattore causale diverso dalla alterazione psicofisica, pacificamente esclusa dalle risposte peritali di cui sopra.

Questa è, ad oggi, la sola e unica verità consegnata dal processo. E questa è, ad oggi, la sola e unica verità che risulta dotata di validazione scientifica.

Ogni diversa esternazione estemporanea può al più servire a fornire una informazione travisata ed irrelata con la realtà processuale.

Il sig. Domenico Diele, pur comprendendo che la notizia a mezzo stampa rappresenta un modo specioso di tener desta l'opinione pubblica sul drammatico fatto di cronaca e un tentativo di condizionamento della serenità del Magistrato investito del giudizio, reputa di poter confidare sulla capacità e sull'equilibrio dell'Organo Giudicante e attendere con sofferta tranquillità l'imminente decisione.

Ai sensi della normativa  sulla stampa e delle regole deontologiche e giurisprudenziali a ciò attinenti si chiede la pubblicazione della presente rettifica, con evidenza e modalità equivalenti a quelle fornite con l'articolo di cui in epigrafe.

Prof. Avv. Giuseppe Montanara
Prof. Avv. Guglielmo Marconi
Roma , 8 maggio 2018"

Rai.it

Siti Rai online: 847