Notiziario CCISS del giorno 19/02/2018 12:30

Ascolta la diretta

Contatta Isoradio
via sms 348 / 103.10.10
I vostri messaggi
VISUALIZZA GLI ALTRI SMS

Meteo Mobilità


Isoradio riceve e distribuisce le previsioni sull'andamento meteorologico per le esigenze di chi si sta muovendo e può solo ascoltare. Vai alla pagina delle previsioni

INFOTRAFFICO

Collaborazioni CCISS Aiscat Polizia di Stato Autostrade Arma dei Carabinieri ANASACI

Traffic Message Channel


Il Traffic Message Channel (TMC) è un servizio dati che viene trasmesso "paralellamente" all'audio, sfruttando il canale Radio Data System (RDS). Infatti l'RDS offre moltissime altre funzioni, oltre quella banale di far leggere il nome dell'emittente sul display della radio. Il TMC contiene tutte le notizie sul traffico rese disponibili dal CCISS (Centro Coordinamento Informazioni Sicurezza Stradale) e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Chi dispone di un autonavigatore che fornisce le informazioni in tempo reale sfrutta appieno il servizio RDS-TMC poiché l'autonavigatore usa una piccola radio FM per riceverle. La distribuzione del servizio RDS-TMC della RAI è totalmente gratuita essendo la RAI il Broadcaster Pubblico.
Leggi tutto
Scarica l'Applicazione Radio Rai

In Primo Piano

La Passione di conoscere

Storia intima della scienza che ha cambiato il mondo

13-02-2018 06:00

La Passione di conoscere

Qual è la scienza che ha cambiato il mondo? Se oggi quasi tutti dispongono di PC e smart phon a costi irrisorii è perché la scienza dei semiconduttori ha reso disponibili, a basso costo, chip complicatissimi.

Alla fine del 2017 la Nvidia ha reso disponibile un chip con trenta miliardi di dispositivi attivi, per la guida assistita!  Gli ultimi cinquant’anni della storia umana, grazie all’impiego di dispositivi a semiconduttore, che hanno rivoluzionato l’elettronica, alla base della nostra società di telecomunicazioni a basso costo, sono stati caratterizzati da uno sviluppo scientifico, tecnologico ed economico mai visto prima. Uno sviluppo  che Andrea Frova, professore di fisica,  ha potuto seguire giorno per giorno grazie alla  frequentazione dei  protagonisti e che ora ripercorre in questo libro anche  autobiografico, passandone in rassegna i momenti fondamentali.

Un libro anche profetico, secondo  quel che  nel libro attribuisce a un fisico indiano: ”In fondo alla via della crescente sofisticazione tecnologica ci saranno solo disgrazie  e guerre; quando i Paesi sotto sviluppati impareranno a metterci le mani, il tenore di vita dell’Occidente crollerà.”

E’ emozionante , per chi ci è passato, rileggere un viaggio nella memoria che parte dai calcoli fatti con piccole calcolatrici, programmi a schede perforate, disegni fatti a china. L’autore  racconta la storia dei dispositivi a semiconduttore, e camminando ci descrive  grandi scienziati  e  invenzioni che ci hanno cambiato la vita: da John Bardeen, Walter Brattain e William Shockley, gli inventori del transistor, ai molti vincitori di Nobel – Nevill Mott, Leo Esaki, Horst Störmer e anche i maggiori esperti italiani, come Gianfranco Chiarotti, Giuseppe Franco Bassani – che con le loro scoperte hanno contribuito alla nascita dell’era digitale che stiamo vivendo. Stranamente nessuno di questi uomini ha avuto le retribuzioni che oggi hanno i manager e gli imprenditori del settore, il che fa riflettere quando qualcuno afferma che la retribuzione  è  adeguata al lavoro. Senza questi uomini le industrie di oggi non ci sarebbero state quindi, se così fosse , dovrebbero essere tutti ben più ricchi di chi ha sfruttato le loro scoperte, emblematicamente illustrati da Steve Jobs.

 La straordinaria avventura di un attore e testimone italiano, un’appassionata riflessione sullo statuto della scienza e sul valore che essa rivestirà nel futuro del nostro pianeta, inizia dalla sua infanzia e dalle memorie della guerra. Poi continua in un’alternanza di descrizioni scientifiche e di storie, e storielle, personali. E’ la storia anche di un membro della classe privilegiata di allora (il padre era dirigente della SNIA) e della società italiana  che vede evolversi, e lo racconta molto serenamente.

 L’Autore nel libro, raccontando e descrivendo il suo lavoro pluridecennale sui semiconduttori, segue un vero e proprio percorso storico, partendo dallo studio dei primi transistor, dei primi effetti superficiali, e così via.  Il libro diventa un’indispensabile lettura per qualunque studente voglia dedicarsi alla fisica dei solidi, e conoscerne un po’ la storia. Non è certamente un libro per tutti, anche se è chiaro quanto è possibile esserlo. L’autore racconta la sua esperienza scientifica, descrivendo sia gli argomenti scientifici sia il contesto lavorativo, le persone, le teorie e gli esperimenti, in un testo che è in se una piccola storia della fisica dei semiconduttori. Il libro consta di 340 pagine, ma tutte ben dense di concetti, incluse le appendici finali, e tutte molto chiare e senza formule. Solo testo e disegni, quindi un utile complemento per molti testi scientifici che a volte sono talmente pieni di formule da mancare del testo che le spieghi. Non sono molti i libri, ammesso che ne esistano altri,  in cui si parli di effetto Pockels descrivendo anche i luoghi e le persone che lo studiavano.

Non manca, per la dimensione biografica, un capitolo sulla contestazione studentesca iniziata nel 1968 e proseguita per alcuni anni. Seguito però subito dopo dal capitolo “I semiconduttori a Roma”. Seguito a sua volta dal cap.15 “I fisici romani” che è dedicato solo ai fisici romani conosciuti dall’autore.

In “Vita all’estero” sono descritti alcuni viaggi in Europa per ricerche; sull’onda dei viaggi in “La cortina di ferro” si descrive l’atmosfera di quegli anni con l’Europa divisa in due tra stati filo-USA e stati filo-URSS, approfondita in “Amaldi e la perestroika”, “URSS penultimo atto”.

Frova racconta aneddoti su aneddoti, difficili da trovare altrove, come quando in  “Altri Nobel della mia vita” racconta del nobel Klaus Von Klitzing e dei suoi capelli lunghi ben oltre le spalle, o delle due mogli di Abdul Salam, o come in “Soggiorni esotici” della cena zen a Kyoto e del bagno nudi sull’Appia Antica mescolandoli con gli incontri con i massimi fisici asiatici e le visite agli Istituti di Fisica in Cina e India. Tanto per ridurre al silenzio coloro che affermano che esistano popoli non portati alle scienze e alle tecnologie, mentre la povertà è il vero ostacolo,  non può mancare “L’avventura somala”  all’Università di Mogadiscio, anche per comprendere le difficoltà per avviare (o rii-avviare) un settore tecnologico in un Paese che non l’ha mai avuto (o l’ha perso).

L’autore è un noto divulgatore scientifico, e in “Divulgazione scientifica e Galileo” racconta come ha scritto “Parola di Galileo”, un’antologia commentata degli scritti del grande scienziato. Un capitolo “Fisica e Musica” racconta la musica dal punto di vista di un fisico. Non manca una spiegazione, in questa miscellanea, del perché papa Ratzinger nel 2008 rinunciò a intervenire all’inaugurazione dell’anno accademico all’università La Sapienza di Roma. L’autore finisce con alcune conclusioni filosofiche sul futuro dell’umanità e tre appendici; rispettivamente sul funzionamento dei dispositivi a semiconduttore, sul funzionamento dei dispositivi a effetto quantistico tunnel, e sui dispositivi a emissione di luce, di cui i LED sono oggi l’applicazione più conosciuta dagli acquirenti di lampadine; che ovviamente ignorano la complessità tecnologica di quel che acquistano.

Il libro, che ha più dimensioni, può essere letto piacevolmente da chiunque, anche non dotato di una preparazione scientifica.

 

 

L’Autore

Andrea Frova (1936 - ) ha scritto numerosi lavori scientifici e testi nel settore della Fisica della materia.  Si è laureato in fisica presso l'Università di Pavia nel 1959. È stato professore ordinario di Fisica Generale e docente di Acustica Musicale presso la Sapienza - Università di Roma dal 1967.

Autore di numerosi articoli scientifici nel campo della fisica della materia condensata, della spettroscopia, dei semiconduttori in particolare, è anche autore di libri di divulgazione scientifica e di narrativa. Ha scritto due testi universitari, Semiconduttori (Veschi-Masson 1977) e Fisica nella Musica (Zanichelli 1999) ed è stato curatore (editor) di cinque libri monografici di Fisica in inglese.

È stato vincitore del Premio letterario Galileo per la divulgazione scientifica del 2008 con l'opera “Se l'uomo avesse le ali”.

Editore: Bur Rizzoli Collana: SAGGI Prezzo: 12.00 €  Pagine: 352 Formato libro: 20 x 13 Tipologia: BROSSURA 

 

Rai.it

Siti Rai online: 847