Notiziario CCISS del giorno 22/03/2019 ore 17:51

Ascolta la diretta

Contatta Isoradio
via sms 348 / 103.10.10
I vostri messaggi
VISUALIZZA GLI ALTRI SMS

Meteo Mobilità


Isoradio riceve e distribuisce le previsioni sull'andamento meteorologico per le esigenze di chi si sta muovendo e può solo ascoltare. Vai alla pagina delle previsioni
Collaborazioni CCISS Aiscat Polizia di Stato Autostrade Arma dei Carabinieri ANASACI

Traffic Message Channel


Il Traffic Message Channel (TMC) è un servizio dati che viene trasmesso "paralellamente" all'audio, sfruttando il canale Radio Data System (RDS). Infatti l'RDS offre moltissime altre funzioni, oltre quella banale di far leggere il nome dell'emittente sul display della radio. Il TMC contiene tutte le notizie sul traffico rese disponibili dal CCISS (Centro Coordinamento Informazioni Sicurezza Stradale) e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Chi dispone di un autonavigatore che fornisce le informazioni in tempo reale sfrutta appieno il servizio RDS-TMC poiché l'autonavigatore usa una piccola radio FM per riceverle. La distribuzione del servizio RDS-TMC della RAI è totalmente gratuita essendo la RAI il Broadcaster Pubblico.
Leggi tutto

In Primo Piano

Auto e camion connessi alla Rete dati per aumentare la sicurezza

Attraverso i centri dati (cloud) si realizza lo scambio di informazioni per segnalare pericoli

11-05-2018 06:00

Auto e camion connessi alla Rete dati per aumentare la sicurezza

 

Nel prossimo futuro l'interconnessione tra i veicoli consentirà di aumentare la sicurezza sulle strade attraverso lo scambio di dati e la segnalazione di eventuali pericoli, lungo il tragitto, in tempo reale.

Volvo che ha attivato un progetto tra la divisione Automobili (cars) e quella veicoli industriali (trucks) per la condivisione di dati in tempo reale per ampliare la copertura della tecnologia di sicurezza in connettività delle due case. Il sistema, basato sui centri dati connessi alla rete datai (il cloud , o “nuvola”, termine poetico per una realtà di stanze piene di armadi metallici), consente ai veicoli di comunicare fra loro e di avvisare i conducenti in caso di situazioni di pericolo nelle vicinanze della posizione in cui si trovano; a condizione che il tutto funzioni entro i tempi necessarii.

 La collaborazione di Volvo Cars con Volvo Trucks è un  passo verso la creazione di un numero  di veicoli connessi tale da poter avere  un impatto significativo sulla sicurezza stradale.

 Da quest'anno, i dati raccolti in tempo reale e anonimizzati (si apre anche in questo settore il problema delle riservatezza dei dati personali) verranno condivisi fra alcuni veicoli industriali Volvo selezionati venduti in Svezia e Norvegia ed equipaggiati con sistemi di segnalazione dei pericoli sviluppati da Volvo Trucks e le autovetture Volvo dotate di sistema Hazard Light Alert di Volvo Cars, in grado di preavvertire gli automobilisti della presenza di veicoli con luci di emergenza accese lungo il tragitto.

 Questo sistema consentirà di aumentare la sicurezza stradale  con l'obiettivo ridurre gli incidenti, salvando  il maggior numero possibile di vite umane. La sicurezza è un elemento fondamentale in Svezia: già nel 1959, la Volvo decise di rendere pubblico il brevetto della cintura di sicurezza a tre punti, consentendo l'utilizzo di questa invenzione a tutte le altre case automobilistiche.

 La tecnologia Hazard Light Alert di Volvo Cars è la prima nel suo genere ad essere stata introdotta nel settore dei trasporti. Non appena una Volvo dotata di questo dispositivo accende le luci di emergenza, a tutte le auto Volvo connesse al servizio su cloud che si trovano nelle vicinanze viene inviata una segnalazione, così da avvertire i conducenti ed evitare potenziali incidenti. Questo sistema si rivela particolarmente utile quando ci si trova in prossimità di curve cieche e dossi.

 Il dispositivo Hazard Light Alert è disponibile dal 2016 in Svezia e Norvegia, dove viene fornito di serie su tutti i modelli della gamma Volvo 90 e 60, oltre che sulla XC40. L'aggiunta delle informazioni fornite dai  modelli selezionati della flotta di Volvo Trucks consentirà di  individuare un numero maggiore di rischi potenziali accrescendo la sicurezza stradale.

L’obiettivo finale sarà un sistema dove ogni informazione ricavabile da ogni veicolo sarà fornita a tutti i veicoli nella sua prossimità. Potremo così “vedere” cosa c’è dietro una curva anche se non possiamo fisicamente vederlo. I possibili problemi sono di due tipi: affidabilità e prestazioni del sistema, che è impossibile realizzare al  livello massimo, ed eccessiva confidenza dei conducenti quando si abitueranno a queste informazioni.

Rai.it

Siti Rai online: 847