Notiziario CCISS del giorno 24/03/2019 ore 17.30

Ascolta la diretta

Contatta Isoradio
via sms 348 / 103.10.10
I vostri messaggi
VISUALIZZA GLI ALTRI SMS

Meteo Mobilità


Isoradio riceve e distribuisce le previsioni sull'andamento meteorologico per le esigenze di chi si sta muovendo e può solo ascoltare. Vai alla pagina delle previsioni
Collaborazioni CCISS Aiscat Polizia di Stato Autostrade Arma dei Carabinieri ANASACI

Traffic Message Channel


Il Traffic Message Channel (TMC) è un servizio dati che viene trasmesso "paralellamente" all'audio, sfruttando il canale Radio Data System (RDS). Infatti l'RDS offre moltissime altre funzioni, oltre quella banale di far leggere il nome dell'emittente sul display della radio. Il TMC contiene tutte le notizie sul traffico rese disponibili dal CCISS (Centro Coordinamento Informazioni Sicurezza Stradale) e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Chi dispone di un autonavigatore che fornisce le informazioni in tempo reale sfrutta appieno il servizio RDS-TMC poiché l'autonavigatore usa una piccola radio FM per riceverle. La distribuzione del servizio RDS-TMC della RAI è totalmente gratuita essendo la RAI il Broadcaster Pubblico.
Leggi tutto

In Primo Piano

Simulazione di guida autonoma per consegne a domicilio

Il lavoro viene ribaltato sul cliente

20-06-2018 17:03

Simulazione di guida autonoma per consegne a domicilio

Le aziende private sono sempre più interessate a che la guida autonoma arrivi prima possibile  per ridurre il personale.  Ford Motor Company e Postmates, azienda operante nel settore delle consegne a domicilio, hanno annunciato una partnership per la sperimentazione  sulle strade di Miami di un progetto pilota per le consegne a domicilio di beni e di generi alimentari.

Ovviamente si tratta di una falsa guida autonoma, perché quella vera è ben lontana dall'essere fattibile, e non esistono normative adeguate.

I veicoli utilizzati per la sperimentazione sono dei Ford Transit Connect che sono stati customizzati ad hoc per effettuare in modo efficiente le consegne. Il progetto ha l’intento di studiare le reazioni dei clienti nell’interagire con un veicolo a guida autonoma. L’obiettivo è eliminare interamente il conducente, al fine di aumentare i profitti, quando la guida autonoma (che significa senza nessun conducente a bordo) sarà autorizzata.

Si tratta di una flotta di Transit Connect, progettati per apparire come veicoli a guida autonoma, mentre, in realtà, sono guidati da una persona. Inoltre, sono stati customizzati ad hoc, con un sistema di 3 vani, posizionati sul lato passeggero e posteriormente, ideati sia per proteggere il cibo sia per effettuare in modo efficiente le consegne, servendo più clienti su un unico percorso.

Dato che Postmates si occupa della consegna di generi merceologici che vanno dal sushi alla ferramenta, i 3 vani sono di dimensioni diverse per consentire di studiare anche la configurazione ottimale del veicolo stesso, oltre che a valutare in che modo le aziende e i consumatori interagiscano con un veicolo a guida autonoma. È il primo veicolo modificato appositamente per testare una varietà di interfacce: il touch screen, i diversi vani e un sistema audio esterno. Il risultato sarà utile per sviluppare il design del veicolo, completamente a guida autonoma, che Ford afferama che costruirà entro il 2021; in tal caso, occorrerà come ormai è consuetudine chiarire cosa si intenda in questo caso per "guida autonoma", poiché la'mbiguità comunicativa sta causando incidenti anche con morti.

Il progetto pilota, attualmente in corso a Miami, vede la partecipazione di oltre 70 aziende merceologiche, tra cui locali come Coyo Taco. I residenti della zona, ordinando i tacos o qualsiasi altro cibo tramite Postmates, hanno la possibilità di scegliere tra le modalità di consegna quella effettuata da un veicolo a guida autonoma. Ovviamente sarà (non si sa per quanto tempo ancora) un addetto in carne e ossa a predisporre sul Transit Connect il pasto, una volta pronto per essere consegnato.

L’addetto del ristorante digiterà, poi, il proprio codice di accesso sullo schermo e, contestualmente, uno dei vani si aprirà in modo da poter inserire il cibo all’interno. Ogni vano, inoltre, ha due porta bicchieri in modo da non doversi preoccupare di perdere metà delle bevande ordinate durante il transito. Quando il veicolo arriverà a destinazione, il cliente riceverà una notifica di testo per ritirare la consegna, direttamente sotto casa.

Di fatto il lavoro viene trasferito dall’azienda al cliente, che dovrà recarsi in strada, agire sul veicolo, ascoltare le  istruzioni audio che indirizzano l’interazione e seguire le luci che andranno a illuminare il vano designato.

L’obiettivo della ricerca, infatti, è soffermarsi sul primo e l’ultimo miglio del processo  di consegna e valutarne le caratteristiche aiutando le realtà locali a espandere il loro spettro di azione coinvolgendo i clienti che dovranno farsi carico di parte del lavoro in cambio della “emozione” di fare da soli.  Di fatto, si afferma di offrire un servizio migliore ma si riduce il servizio. Un po’ come nei supermercati dove  il cliente legge le etichette dei prodotti da solo, fa il totale da solo e paga da solo. In questo modo non fa la fila, però perché i cassieri sono stati ridotti “ad arte” per spingere il cliente a farsi carico di questo lavoro.

È possibile visualizzare il video al seguente link https://youtu.be/9DY0LKOdE3M

 

Rai.it

Siti Rai online: 847