Notiziario CCISS del giorno 21/01/2019 ore 12.22

Ascolta la diretta

Contatta Isoradio
via sms 348 / 103.10.10
I vostri messaggi
VISUALIZZA GLI ALTRI SMS

Meteo Mobilità


Isoradio riceve e distribuisce le previsioni sull'andamento meteorologico per le esigenze di chi si sta muovendo e può solo ascoltare. Vai alla pagina delle previsioni
Collaborazioni CCISS Aiscat Polizia di Stato Autostrade Arma dei Carabinieri ANASACI

Traffic Message Channel


Il Traffic Message Channel (TMC) è un servizio dati che viene trasmesso "paralellamente" all'audio, sfruttando il canale Radio Data System (RDS). Infatti l'RDS offre moltissime altre funzioni, oltre quella banale di far leggere il nome dell'emittente sul display della radio. Il TMC contiene tutte le notizie sul traffico rese disponibili dal CCISS (Centro Coordinamento Informazioni Sicurezza Stradale) e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Chi dispone di un autonavigatore che fornisce le informazioni in tempo reale sfrutta appieno il servizio RDS-TMC poiché l'autonavigatore usa una piccola radio FM per riceverle. La distribuzione del servizio RDS-TMC della RAI è totalmente gratuita essendo la RAI il Broadcaster Pubblico.
Leggi tutto

In Primo Piano

Prima della patente, la patentina

E ulteriori corsi e verifiche nell'intermezzo

28-06-2018 12:55

Prima della patente, la patentina

Prima lezioni  con guida accompagnata e abilitazione a percorrere un determinato numero di chilometri; poi  la patente  dopo i 18  anni, seguita dopo un periodo da un richiamo per la verifica delle capacità anche dal punto di vista psicologico, come la percezione del rischio.

In alternativa, dopo il conseguimento della patente, richiami di teoria e pratica, sempre valutando l'aspetto psicologico. Si tratta rispettivamente della patente graduale e della patente di secondo livello, i due tipi di "patente progressiva", già introdotta in diversi Paesi europei, che in Italia potrebbe contribuire a ridurre sensibilmente i numeri ancora troppo alti di incidenti che coinvolgono i giovani.

La proposta è stata lanciata da Manuel Picardi, vicepresidente dell'associazione europea tra le scuole guida (Efa), nel corso del seminario 'Neopatentati: categoria a rischio?', organizzato dall'Unità di Ricerca in Psicologia del Traffico dell'Università Cattolica di Milano, in collaborazione con Unasca, l'Unione Nazionale Autoscuole e Studi di Consulenza Automobilistica.

 Nei 28 Paesi dell'Ue, la principale causa di morte tra i 15 ed i 25 anni sono gli incidenti stradali. Nel 2016 nella fascia 15-24 anni ci sono stati 418 morti e 45.924 feriti in incidenti stradali, più del numero degli abitanti dell'intera città di Macerata. I ventenni tra i 20 e i 24 anni sono risultati particolarmente a rischio.

 "In Italia, dopo la patente - ha dichiarato Maria Rita Ciceri, direttrice dell'Unità di Ricerca in Psicologia del Traffico - non esiste però alcun dispositivo per continuare a lavorare sulla sicurezza con i neo-patentati. La proposta di una patente progressiva va nella direzione di valutare nuove misure per colmare proprio questo deficit". Non si tratta solo di un incentivo alla pratica, ma anche tutta una serie di supporti educativi, anche di tipo psicologico, per fare prevenzione. Una particolare percezione del rischio nella fascia 15-24 anni, unita alla scarsa esperienza e alle distrazioni come l'utilizzo dello smartphone mentre si è alla guida costituiscono i principali fattori di rischio nella fascia 15-24 anni.

Per la patente graduale non è chiaro come sia possibile verificare la percorrenza chilometrica. Invece la patente di secondo livello si colloca nella scia dei tanti obbligo di “credito formativo” già in vigore per molte categorie. In sostanza, invece di dare dopo i 18 anni la patente, si dà una patente “depotenziata”, posticipando la concessione della patente “classica” dopo la frequentazione di ulteriori corsi e ulteriori verifiche psicologiche.  Di fatto alla patente “classica”, che diventerebbe di secondo livello, viene aggiunta una patente “leggera” (di primo livello) con pesanti limitazioni; per passare al secondo livello saranno necessari ulteriori corsi ed esami.

In questo filone, dopo la concessione della patentina, e poi della patente, si dovranno poi frequentare periodicamente corsi di aggiornamento. Un itinerario tutto da definire, e tutto in salita, per i  maggiori controlli necessarii per accrescere la sicurezza stradale salvando così delle giovani vite.

Rai.it

Siti Rai online: 847