Notiziario CCISS del giorno 25/06/2019 ore 17.30

Ascolta la diretta

Contatta Isoradio
via sms 348 / 103.10.10
I vostri messaggi
VISUALIZZA GLI ALTRI SMS

Meteo Mobilità


Isoradio riceve e distribuisce le previsioni sull'andamento meteorologico per le esigenze di chi si sta muovendo e può solo ascoltare. Vai alla pagina delle previsioni
Collaborazioni CCISS Aiscat Polizia di Stato Autostrade Arma dei Carabinieri ANASACI

Traffic Message Channel


Il Traffic Message Channel (TMC) è un servizio dati che viene trasmesso "paralellamente" all'audio, sfruttando il canale Radio Data System (RDS). Infatti l'RDS offre moltissime altre funzioni, oltre quella banale di far leggere il nome dell'emittente sul display della radio. Il TMC contiene tutte le notizie sul traffico rese disponibili dal CCISS (Centro Coordinamento Informazioni Sicurezza Stradale) e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Chi dispone di un autonavigatore che fornisce le informazioni in tempo reale sfrutta appieno il servizio RDS-TMC poiché l'autonavigatore usa una piccola radio FM per riceverle. La distribuzione del servizio RDS-TMC della RAI è totalmente gratuita essendo la RAI il Broadcaster Pubblico.
Leggi tutto

In Primo Piano

RC auto, quasi 3 milioni i veicoli non assicurati in Italia

A Napoli la percentuale sale al 17%, contro il 4% del Nord

09-07-2018 06:00

RC auto, quasi 3  milioni i veicoli non assicurati in Italia

 

Nel 2017 i veicoli senza copertura assicurativa in movimento sulle strade italiane sono stati 2,8 milioni, pari al 6,3% del parco circolante. Il dato, secondo le stime elaborate dall’Ania (Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici) sulla base dei dati della Motorizzazione Civile, rivela  in flessione rispetto al 2016 con 2,9 milioni di veicoli non assicurati, pari al 6,7% del totale.

L’Ania definisce "significativa" la differenza a livello regionale. Se la media nazionale si attesta al 6,3%, al Sud sale al 10%, al Nord scende al 4,1% e nel Centro è pressoché in linea. Ancor più forti le differenze all’interno delle tre macroaree. Al Nord, quasi tutte le regioni e i relativi capoluoghi mostrano un’incidenza di veicoli non assicurati simile o al di sotto della media nazionale (6,3%), nel Centro sono soprattutto il Lazio e Roma a presentare un’incidenza pari al doppio (rispettivamente al 9% e al 9,8%) di quella delle altre regioni della stessa area. Al Sud, invece, si passa da valori poco superiori alla media nazionale in regioni come la Basilicata, il Molise e la Sardegna, fino ad arrivare alla Calabria e, soprattutto, alla Campania dove l’incidenza di veicoli non assicurati è pari a oltre il doppio della media: a Napoli un veicolo su sei, ovvero il 17%, circola senza assicurazione, mentre a Reggio Calabria uno su sette (13,7%). 

 

L’Ania mette in risalto un calo dei premi delle polizze.  In particolare, secondo il presidente dell’Ania, Maria Bianca Farina, "i prezzi, grazie anche al contenimento dei sinistri e delle frodi, sono diminuiti nell’anno del 2,5%, per una riduzione complessiva del 27% in 5 anni. La differenza rispetto alla media dei principali paesi europei si è così ridotta, nello stesso periodo, da 213 a 78 euro, di cui 40 euro dovuti al differenziale di imposta. Anche il divario territoriale tra le aree con prezzi più alti e quelle con prezzi più bassi è diminuito di quasi il 40%".

 

Ancora elevata l’incidenza delle frodi.     A tal proposito l’Ania rileva che l’incidenza media, a livello nazionale, dei sinistri esposti al rischio di frode sul totale del campione di sinistri denunciati nel 2017, dopo tre anni di continua crescita (dal 2014 al 2016) è tornata, seppur lievemente, a diminuire arrivando al 22,4% (era il 23,5% nel 2016, il 21,4% nel 2015 e il 19,3% nel 2014) grazie, probabilmente alla diffusione sempre più ampia di strumenti telematici come le scatole nere che limitano la possibilità di frode da parte degli assicurati. A livello territoriale è il Nord a confermarsi l’area con meno sinistri a rischio frode con una percentuale in calo dal 19,5% del 2016 al 18,2%, seguita dal Centro con un’incidenza in flessione dal 22,2% al 21% e dal Sud, dove quasi il 35% dei sinistri denunciati è risultato sospetto (in lieve calo rispetto al 35,4% del 2016).   Tra l’altro l’associazione sottolinea anche come il fenomeno delle frodi assicurative sia strettamente correlato, a livello territoriale, con quello della circolazione dei veicoli non assicurati.

L’Ania evidenzia l’esigenza di procedere con una riforma dell’intero sistema che tenga conto, per esempio, delle nuove forme di mobilità e dello sviluppo delle tecnologieA tal proposito l’associazione sta studiano polizze legate allo stile di guida degli automobilisti con l’obiettivo di premiare i conducenti più diligenti. In tale senso l’aria ha intenzione di avviare una fase di sperimentazione per preparare il segmento dell’Rc Auto a un mondo in cui le assicurazioni non saranno legate solo ai veicoli ma anche ai guidatori e ai tempi di utilizzo delle auto. In tal caso si parla di assicurazioni istantanee e del loro uso nei nuovi servizi per la mobilità.

Rai.it

Siti Rai online: 847