Notiziario CCISS del giorno 25/06/2019 ore 17.30

Ascolta la diretta

Contatta Isoradio
via sms 348 / 103.10.10
I vostri messaggi
VISUALIZZA GLI ALTRI SMS

Meteo Mobilità


Isoradio riceve e distribuisce le previsioni sull'andamento meteorologico per le esigenze di chi si sta muovendo e può solo ascoltare. Vai alla pagina delle previsioni
Collaborazioni CCISS Aiscat Polizia di Stato Autostrade Arma dei Carabinieri ANASACI

Traffic Message Channel


Il Traffic Message Channel (TMC) è un servizio dati che viene trasmesso "paralellamente" all'audio, sfruttando il canale Radio Data System (RDS). Infatti l'RDS offre moltissime altre funzioni, oltre quella banale di far leggere il nome dell'emittente sul display della radio. Il TMC contiene tutte le notizie sul traffico rese disponibili dal CCISS (Centro Coordinamento Informazioni Sicurezza Stradale) e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Chi dispone di un autonavigatore che fornisce le informazioni in tempo reale sfrutta appieno il servizio RDS-TMC poiché l'autonavigatore usa una piccola radio FM per riceverle. La distribuzione del servizio RDS-TMC della RAI è totalmente gratuita essendo la RAI il Broadcaster Pubblico.
Leggi tutto

In Primo Piano

La Francia abbassa la velocità massima

Centinaia di vivi e migliaia di non-invalidi in più ogni anno, questo l'obiettivo

21-06-2018 15:09

La Francia abbassa la velocità massima

Uno spettro si aggira per le campagne francesi, e terrorizzerà gli automobilisti dal primo luglio. Quel giorno entrerà in vigore il limite di velocità di 80 km/h (oggi è di 90 km/h) sulle strade statali e provinciali. Una scelta di sicurezza che ha provocato un crollo della popolarità del governo nei sondaggi, ovviamente soprattutto nelle zone rurali. La misura sarà applicata su 400.000 chilometri di strade, modificherà la vita di milioni di automobilisti e salverà la vita di migliaia, perché secondo le stime si avranno circa 350-400 morti in meno ogni anno: a cui vanno aggiunti circa 3-4.000 invalidi gravi a vita che saranno evitati.

Il governo francese, a differenza di altri meno attenti al benessere dei propri cittadini, tiene duro, sottolineando la necessità di far diminuire gli incidenti stradali: nel 2017 in Francia ci sono stati ben 3.684 morti, di cui la metà sulle strade oggetto del nuovo limite.

Nella frenesia per la velocità alcune associazioni sostengono che non è diminuendo la velocità che ci saranno meno incidenti, quando ogni esperienza e studio e statistica lo conferma. Altre sostengono che così lo Stato voglia fare cassa facendo più multe, il che è impossibile se tutti rispetteranno il nuovo limite di velocità. 

Il premier continua a difendere una decisione così impopolare che il 76% dei francesi è contrario. Come già accaduto in tutti gli altri casi, quando si misurerà il calo degli incidenti ogni critica al governo evaporerà.

Statisticamente il rischio cresce con la quarta potenza della velocità, e riportare il limite da 80 a 90 comporterebbe un incremento del rischio del 60% circa.  Qualcuno ha già obiettato: “ E allora perché non portarla a 70 all’ora?” e ha ragione: un ulteriore calo comporterà un ulteriore diminuzione di morti e invalidi e sarebbe stato conveniente, ma evidentemente il governo francese ha dovuto fare un compromesso tra la realtà e il gradimento degli automobilisti  francesi.

Dopo il buon esito di questa scelta, sarà difficile per chiunque in Francia opporsi a un ulteriore ribasso.

Rai.it

Siti Rai online: 847